L’intelligenza numerica al Nido

Parlare di matematica al Nido può apparire strano agli occhi di molti.

Difatti, uno dei pensieri più comuni in riferimento allo sviluppo di tale disciplina è “come fanno i bambini piccoli a conoscere e comprendere la numerosità?”.

Eppure, se proviamo a ricordare le filastrocche e le conte che cantavamo al Nido o alla Scuola dell’infanzia quando eravamo più piccoli, scopriamo che all’interno di esse sono presenti una miriade di riferimenti numerici: “quarantaquattro gatti, in fila per sei, con il resto di due” è forse la canzone più nota che i nonni ed i genitori ci hanno insegnato per ricordarci la tabellina del sei. Ma ancora, quanti hanno imparato la filastrocca dei mesi per imparare quanti giorni compongono novembre, aprile, giugno e settembre?

Se la nostra vita è piena di riferimenti numerici è necessario che fin da piccoli i bambini e le bambine prendano confidenza con le tante cifre che circondano la loro quotidianità.

Brian Butterworth, professore di neuropsicologia dell’University College of London e fondatore della teoria innatista nota con il nome di Modulo Numerico, sostiene che il cervello di ognuno di noi possiede dei circuiti specializzati che permettono di categorizzare il mondo in termini di numerosità, paragonando la visione e la comprensione di esso in termini di numeri e di colori.

Imparare la matematica con forme e colori

L’insegnamento diretto di forme e colori, attraverso giochi, attività mirate, l’osservazione della realtà che ci circonda ponendo l’attenzione ai momenti che costituiscono la routine (la pappa, il momento del cambio, la lettura) è uno dei passi fondamentali per far apprendere i concetti numerici ai bambini piccoli.

Il gioco, infatti, permette ai bambini e alle bambine di immagazzinare in maniera più rapida, facile e divertente le informazioni presenti nella realtà circostante.

Non dimentichiamoci che il livello di sviluppo e di crescita di ciascun bambino è differente, non bisogna avere fretta ma dobbiamo prenderci il tempo di osservare i progressi e le difficoltà che ognuno di loro può incontrare. Solo così avremo modo di cambiare, continuare, ripetere e migliorare gli insegnamenti e, di conseguenza, rafforzare gli apprendimenti che ogni bambino e ogni bambina incontra durante la quotidianità del Nido.

Dott.ssa Federica Apostolo – Educatrice ed esperta di intelligenza numerica